• Home
  • Blog
  • Bonus Baby-Sitting e per i servizi integrativi per l’infanzia

Bonus Baby-Sitting e per i servizi integrativi per l’infanzia

Ad oggi è ancora possibile presentare le domande per la richiesta del bonus baby-sitting e per i servizi integrativi per l’infanzia

Con il Messaggio n. 2350, l’Inps ha comunicato il rilascio della procedura per la presentazione delle domande per i nuovi bonus introdotti dal Decreto-Legge n. 34/2020:

  • servizi di baby-sitting;
  • iscrizione ai centri estivi e servizi integrativi per l’infanzia
Possono richiedere il bonus baby-sitting e iI bonus per il pagamento dei servizi integrativi per l’infanzia, i genitori di figli di età non superiore a 12 anni:
* dipendenti del settore privato;
* iscritti in via esclusiva alla Gestione separata INPS;
* lavoratori autonomi iscritti all’INPS;
* lavoratori autonomi iscritti alle casse professionali.

La misura del bonus ha un valore massimo complessivo di 1.200 euro per nucleo familiare, indipendentemente dal numero dei figli e può essere utilizzato fino al 31 luglio 2020.

Possono presentare le domande:

  • gli aventi diritto, che non hanno richiesto il precedente bonus baby-sitting, introdotto dagli articoli 23 e 25 del Decreto-Legge 17 marzo 2020, n. 18;
  • coloro che hanno già fruito del bonus per servizi di baby-sitting per un importo massimo di 600 euro ovvero di 1.000 euro, a seconda del settore di appartenenza, nella prima fase dell’emergenza. Questi soggetti possono effettuare una nuova richiesta di bonus finalizzata ad ottenere l’importo integrativo.

E’ possibile presentare la domanda di bonus per servizi di baby-sitting o per i servizi integrativi per l’infanzia, direttamente online, sul sito INPS, raggiungibile a questo indirizzo: www.inps.it, scegliendo direttamente dalla homepage, la funzionalità “bonus servizi di baby-sitting”.

Il richiedente dovrà autenticarsi ai servizi INPS, pertanto, dovrà essere in possesso di una delle seguenti credenziali:

  • PIN ordinario o dispositivo rilasciato dall’INPS;
  • SPID di livello 2 o superiore;
  • Carta di identità elettronica 3.0 (CIE);
  • Carta nazionale dei servizi (CNS).

Coloro che non sono in possesso di nessuna delle credenziali d’accesso, potranno:

  • richiedere il PIN all’INPS attraverso i seguenti canali:
    –   sito internet www.inps.it, utilizzando il servizio “Richiesta PIN”;
    –   Contact Center, chiamando il numero verde 803 164 (gratuito da rete fissa), oppure 06 164164 (a pagamento da rete mobile);
  • richiedere le credenziali SPID, anche con riconoscimento a distanza via webcam, attraverso uno degli Identity Provider accreditati (www.spid.gov.it), Namirial SpA ad esempio .

La domanda può essere presentata anche:

  • tramite il servizio di Contact Center Multicanale (per i soggetti in possesso di credenziali d’accesso al sito), disponibile al numero verde 803 164 da rete fissa (gratuitamente) oppure al numero 06 164164 da rete mobile (a pagamento, in base alla tariffa applicata dai diversi gestori);
  • avvalendosi dei servizi gratuiti degli Enti di Patronato.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Logo Studio Gradelli

Seguici sui social

CB Cashback World
® 2014 - 2020 StudioGradelli - P.I. 10696920585 | Sviluppato da ThinkNow.it